Crea sito

Loris Stival e il mistero del Mulino Vecchio

AA.VV. - Dicono che questa donna ha avuto una vita difficile, che sia una malattia: certo ha fatto qualche pasticcio portando il ragazzo a scuola, bello chiaro non è. Han fatto vedere il mulino, passano dalla strada e c'è questo mulino a sinistra, quei mulini di una volta che andavano ad acqua, la mia mamma era figlia di un mugnaio lo so bene. Le forze armate, non ricordo se carabinieri o finanzieri, hanno trovato delle armi nascoste in quel posto malfamato, parecchie erano anche. Come ha potuto una mamma, uccidere il suo bambino? Penso che non lo volesse proprio uccidere, forse meritava qualche piccola punizione ma poi le ha preso la mano. O forse il bambino ha intuito che lei andava li spesso, in quel posto malfamato, temeva che facesse la spia. Ma la spia di cosa? La vicina di casa dice che litigavano moglie e marito per dei soldi presi in prestito che non potevano restituire, qui gatta ci cova. Qualcuno dice sono momenti di pazzia, quella donna aveva provato a uccidersi fin da ragazza, con le prime delusioni. Ma può darsi che non ci fosse solo quello. Noi quando andavamo alle magistrali da Corticella a Bologna c'era il tram, da piazza Malpighi si faceva un pezzo di strada a piedi in gruppo, i genitori  seguivano i figli, ma che scherzi? Dicevano: "Non dar retta a nessuno, tu sai che la mamma e il babbo lavorano a casa". Ero fidanzata con un commissario di questura, lui quando andava a fare delle ricerche mi sbrigavo i miei lavori e lo seguivo, andando con lui son diventata una poliziotta, mi piacerebbe oggi con la mia intelligenza di ragazza giovane lo farei volentieri. Penso che il bambino avesse già capito che qualcosa non andava, perché a quell'età capiscono già, non sono mica scemi: con quello che ha avuto la donna per me non ho dubbi, è stata lei ma non per follia pura e semplice, credo temesse la spia di qualcosa. Il corpo l'ha ritrovato un cacciatore indagato per questioni di armi. Ancora adesso non sono sicuri che sia stata proprio lei, almeno fino a stamattina non han detto niente, dopo cinque ore di interrogatorio, almeno io ho sentito così. Però è già sotto accusa da tutti per altre cose che ha fatto in passato, allora forse la mancanza di stima fa si che venga considerata di poco valore. Questo la gente, ma i giornalisti? Noi non possiamo condannarla perché non siamo niente, la giustizia deve fare il corso. Però anche ieri nel pomeriggio son venuta in casa una volta o due, davano perennemente quello di Cogne, tutta una sfilza degli uccisi negli ultimi tempi. Li hanno ricordati. Tu accendevi e c'era già di nuovo Loris, pure quello che hanno ammazzato di 43 anni hai sentito tu? Un industriale. Sono una che non leggo il giornale, però tengo la televisione accesa, perché mi piace di seguire le notizie. Poi sento una cosa, allora la seguo per capire bene se veramente. Un bambino di otto anni preso in mezzo a una storia di misteri, ha visto qualcosa che non doveva vedere, ci sono bambini di 4 anni fanno domande imbarazzanti ai genitori, tu non lo diresti. Non sono stupidi. Per me quel bambino ha visto qualcosa.