Crea sito

Non inseguire il successo ad ogni costo !

Si dice che una rosa fiorisce  di più se tagliamo i rami che non buttano gemme, che un albero può dare frutti più succulenti se lo alleggeriamo un po'. Questo è vero anche nella vita! La misura della credibilità non è data dalla quantità di cose che pubblichiamo, ma dalla loro qualità. Allungare il brodo serve solo a renderlo insipido, troppo materiale appesantisce il sito e disperde l'attenzione. Pubblicare sugli argomenti di cui parlano tutti, è una garanzia di popolarità? Non sempre, anzi! E' semmai probabile che arriveremo secondi a chi può disporre di più mezzi per la pubblicità. A volte un argomento 'di nicchia' può suscitare un insospettato interessamento nel pubblico di settore. Le parole chiave possono dare un orientamento rispetto agli interessi comuni, ma non vanno prese alla lettera. Distinguersi o uniformarsi? C'è chi non parla mai di politica perché pensa di allontanare chi non la pensa come lui. Altri fanno l'opposto, si buttano sul sensazionalismo pensando così di raggiungere il pubblico dei complottisti e dei dissidenti, traendo vantaggio dai 'flames'. A lungo andare questo comportamento ci costruisce intorno una gabbia da cui è poi difficile uscire. Meglio essere sé stessi, debolezze e virtù, pensando piuttosto a costruire dei rapporti solidi e duraturi. Non scopiazzare qua e là. La rete è piena di cloni, si sa. Pagine uguali una all'altra, testi copiati e incollati senza criterio solo per fare numero. Non sempre il plagio è perseguibile perché basta cambiare qualche parola, dire la stessa cosa in modo leggermente diverso, per evitare delle sanzioni da parte dei provider o di autori suscettibili. Ma cosa penserà il pubblico? Un clone per sopravvivere deve misurarsi con la pagina clonata, e ovviamente con tutte le sue imitazioni, questo significa sgomitare continuamente per aggiudicarsi un buon posizionamento. Il lettore non sprovveduto riconosce subito la manipolazione e passa oltre, questo non fa bene alla credibilità e richiede un lavoro di promozione estenuante. La produttività non è tutto. Gran parte delle visite provengono da appena un 20% delle pagine. Di norma sono proprio quelle che richiedono meno lavorazione, a dare il risultato migliore! Su questo sito che stai visitando per esempio, l'indicizzazione è merito più dei sonetti, semplici da comporre e veloci da impaginare, che dei cartoni animati prodotti in 5-6 mesi di duro lavoro. Dovrei forse pubblicare soltanto dei sonetti? La risposta è no: quel che non porta denaro, contribuisce spesso a consolidare la credibilità. Condividere molte volte lo stesso link? Non serve. Quando lo hai proposto a una decina di persone, scelte in base ai loro effettivi interessi, è già sufficiente: se son rose fioriranno! Quando un contenuto è di pubblico interesse, verrà condiviso e riproposto senza forzature, spontaneamente. Meglio poche segnalazioni mirate, su diverse pagine. La tua pagina deve riallacciarsi a un discorso già in essere e offrire un contenuto che a quel discorso manca, devi inserire il tuo link usando il massimo garbo, in modo che sia congruente. In questo gli #hashtag possono venirti incontro. Una conversazione completa con l'interlocutore  che hai scelto, influisce sul posizionamento di quella pagina molto più che cento collegamenti alla rinfusa caduti nel vuoto. Ringraziare sempre. Come nella realtà, ci vuole garbo e sentimento. Se qualcuno condivide il tuo materiale, tu ringrazia sempre. Perché? Prima di tutto è per buona educazione, ricordati che non sei qui per vomitare parole, immagini e suoni nella testa di gente che non conosci e di cui non t' interessa niente, ma per costruire dei rapporti intorno alla tua attività di pubblicista, suonatore, artista o quel che sia. Ringraziare può essere un modo per manifestare la tua volontà di approfondimento. Nei social networks si deve tenere presente che non siamo soltanto nodi di una rete: sulle nostre bacheche visualizziamo più facilmente i contenuti delle persone con cui abbiamo maggiori interazioni. C'è sempre il bellimbusto di turno che accende polemiche. Alcuni di questi manipolatori sono bravissimi a portarti sul loro terreno. C'è chi li usa per aumentare il livello di interazione sulle proprie pagine, è però un metodo che suggerisco di evitare: una discussione polemica senz'altro migliora il posizionamento di un contenuto, ma frena la costruzione di rapporti duraturi con quelle persone che resteranno deluse nel vederti sprecare tempo e sapone a lavare la testa all'asino! I provocatori vanno ignorati.

PRECEDENTE      INDICE DEI TUTORIALS      SUCCESSIVO